Nutrizione Ortomolecolare

Nutrizione Ortomolecolare

0
Nutrizione Ortomolecolare

Sommario

    Il termine “medicina ortomolecolare” fu coniato nel 1968 dallo scienziato Linus Pauling (Premio Nobel per la Chimica e per la pace) per indicare il mantenimento della buona salute e il trattamento delle malattie attraverso la variazione della concentrazione di sostanze che sono generalmente presenti nel corpo umano e sono necessarie alla salute. 

    La Nutrizione Ortomolecolare

    In natura, i cibi non esistono come singole proteine, aminoacidi, grassi, carboidrati, vitamine e minerali cosi’ come vengono descritte in chimica. Tutti i cibi sono un complesso di materiale vivente. Durante la digestione, i singoli componenti nutrizionali contenuti nel cibo, vengono rilasciati. I cibi con il valore nutritivo piu’ alto sono quelli meno raffinati. Purtroppo ben l’80% dei cibi che oggi si consumano sono raffinati. Questi “noncibi” sono stati privati di tutti i nutrienti essenziali. Per essere metabolizzati, devono “rubare” alcuni nutrienti – proteine, grassi, vitamine e minerali – dagli altri cibi. Per questo motivo le sostanze che contengono “calorie vuote” sono così dannose per la qualità di qualsiasi dieta della quale fanno parte.

    Queste sostanze svuotate vengono considerante “spazzatura” e sono assolutamente da evitare. Quindi la prima regola nella terapia nutrizionale (cioè ortomolecolare) è: non mangiare cibo “spazzatura” al quale sia stato aggiunto dello zucchero. Questa regola elimina dalla propria alimentazione i dolci, le caramelle, la cioccolata, bevande gassate, gelati e farine di cereali raffinati. La maggior parte delle persone perderà l’abitudine e il desiderio dello zucchero. Seguire una dieta “senza spazzatura” assicura che vengano mangiati cibi più nutrienti (frutta fresca, verdura, pesce, carne etc) e che l’alimentazione sia molto più sana.

    La seconda regola è: eliminare i cibi ai quali si è allergici. Questo include l’evitare i cibi dei quali siamo particolarmente bramosi (il desiderio può essere incentivato dall’allergia) e quelli che ci fanno star male in maniera evidente.
    La terza regola è stata studiata per minimizzare le reazioni allergiche: variare il più possibile la tipologia dei cibi per non dipendere da pochi tipi di alimenti.

    Per raggiungere un ottimo stato di salute, il tasso di assunzione dei cibi dovrebbe essere tale da stabilire e mantenere nell’organismo la concentrazione ottimale delle molecole essenziali, per creare un equilibrio biochimico del corpo.

    La nutrizione ortomolecolare si basa dunque sul principio del riequilibrio dell’assetto biochimico individuale con l’utilizzo di sostanze chimiche naturali (vitamine, minerali dietetici, enzimi, antiossidanti, aminoacidi, acidi grassi essenziali, pro-ormoni, probiotici, fibre, acidi grassi…).

    Molte delle sostanze usate nella medicina ortomolecolare sono nutrienti essenziali, che vengono proposti in alte dosi.

    Il traguardo è ricreare un ambiente ecologico che assicuri il funzionamento ottimale della cellula stessa e la sua produzione di energia e potenziare la capacità del corpo di raggiungere uno stato di benessere.

    Cenni Biografici

    La Dottoressa A. Lorella De Mariani, Biologa Nutrizionista Specialista in Biochimica Clinica,Master di II Livello in Oncologia Integrata, socio dell'Associazione di Ricerca per le terapie Oncologiche Integrate A.R.T.O.I. Collabora con oncologi per calibrare e ottimizzare lo stile di vita e alimentare dei pazienti.  Ha conseguito l’abilitazione alla professione di biologo ed è iscritta all’albo dei biologi dal 17 marzo 1989 n. iscrizione 31855. Si occupa dei meccanismi alla base dei processi degenerativi correlati alla nutrizione: malattie cardiovascolari, malattie autoimmuni, disfunzioni del metabolismo lipidico, diabete, disbiosi intestinali, coliti, allergie/ intolleranze alimentari, alterazioni del peso, alimentazione in età scolare, alimentazione energetica per lo sportivo, alimentazione e autismo, alimentazione e invecchiamento, programmi anti-aging, gravidanza e allattamento, nutrizione oncologica integrata. L’attività consiste soprattutto nella elaborazione di programmi nutrizionali personalizzati, tenendo presente i principi della medicina ortomolecolare, dieta pH, nutriterapia e fitoterapia, con lo scopo di insegnare ai suoi pazienti un regime alimentare conciliabile con la vita quotidiana affinché possano raggiungere un benessere sia fisico che psichico. Biografia: http://www.demariani.it/biografia-lorella-de-mariani/

    Ok
    Usiamo i cookie per offrire un'esperienza affidabile e personalizzata. Cliccando su Ok o interagendo senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookies di cui fa uso il sito. Cookie Policy