I FATTORI DI RISCHIO METABOLICI NEI TUMORI

I FATTORI DI RISCHIO METABOLICI NEI TUMORI

0
I FATTORI DI RISCHIO METABOLICI NEI TUMORI

Sommario

    Numerosi studi epidemiologici e clinici hanno ormai confermato la relazione causale tra l’accumulo adiposo e l’incidenza tumorale. In particolare è stato osservato che all’aumentare dell’Indice di Massa Corporea (kg/m2) il rischio di ammalarsi di tumore è più alto, soprattutto per quanto riguarda il tumore all’utero, al fegato, al rene, al colon-retto, alla prostata ed alla mammella. Ciò vale ancor di più se il grasso è localizzato a livello addominale. In aggiunta i pazienti oncologici in sovrappeso o obesi sviluppano tendenzialmente una patologia più aggressiva con una prognosi peggiore.

    Quali sono i meccanismi coinvolti?

    Il tessuto adiposo bianco non ha soltanto la funzione di riserva energetica, ma secondo le ultime evidenze scientifiche può essere considerato un vero e proprio organo endocrino. In particolare il grasso addominale secerne un ampio spettro di molecole quali le adipochine, l’adiponectina, la leptina, il TNF-α e l’interleuchina 6 (IL-6). Questi fattori alterano il metabolismo degli zuccheri e dell’insulina causando resistenza insulinica e stimolano le cellule immunitarie in senso pro-infiammatorio. In particolare l’IL-6 e TNF-α rappresentano mediatori infiammatori che dando avvio a complessi effetti cellulari promuovono la tumorigenesi. E’ possibile perciò affermare che l’obesità è accompagnata da una disregolazione della risposta immunitaria.

    Quanto scritto sopra rappresenta un indiscutibile campo di intervento nutrizionale, poiché una stimolazione eccessiva dell’insulina conduce all’accumulo adiposo. Per di più livelli elevati di massa grassa ostacolano a loro volta le capacità fisiologiche di regolare la glicemia e l’insulinemia. Per quanto riguarda il campo oncologico è fondamentale tenere sotto controllo gli stati di iper-insulinemia. A supporto di ciò gli studi epidemiologici hanno più volte riconfermato la stretta correlazione tra l’insorgenza tumorale e la sindrome metabolica o il diabete di tipo II. Benché il rischio di tumore come abbiamo visto è ben evidente nel sovrappeso, è stato osservato che anche una glicemia all’estremo superiore dell’intervallo di normalità è associata ad un rischio maggiore e ad una prognosi peggiore, persino nei soggetti normopeso. A ciò si aggiunga che la maggior parte delle cellule tumorali mostra alterazioni mitocondriali e rispetto a quelle normali richiede un apporto di zuccheri ben più elevato per soddisfare un metabolismo energetico prevalentemente di tipo fermentativo (effetto Warburg).

    Altri fattori da tenere in considerazione sono i fattori di crescita quale l’ormone IGF-1, che è stimolato dall’ormone della crescita GH ed raggiunge concentrazioni più elevate nei soggetti obesi. L’asse GH-IGF-1 è legato strettamente ai livelli di insulina e sembra coinvolto nel cancro del colon, della prostata, della mammella e dell’endometrio. In particolare l’aumento del GH in combinazione ad alti livelli di insulina stimola il fegato a produrre IGF-1. Le ricerche sperimentali hanno mostrato quanto le cellule tumorali siano vulnerabili all’assenza di glucosio e di glutammina e molte modifiche epigenetiche avvengono proprio a carico dei geni coinvolti nel metabolismo. Tenendo conto di tutto ciò e del fatto che i carboidrati e le proteine sono in grado di attivare IGF-1, l’alimentazione può contribuire a neutralizzare questi meccanismi pro-cancerogeni.

    Bibliografia essenziale:

    •  Wright C, Simone NL. Obesity and tumor growth: inflammation, immunity, and the role of a ketogenic diet. Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2016 Jul;19(4):294-9;
    • Dabrowski M. Risk factors for cancer development in type 2 diabetes: A retrospective case-control study. BMC Cancer. 2016 Oct 10;16(1):785;
    • Klement R.J, Kämmerer U. Is there a role for carbohydrate restriction in the treatment and prevention of cancer?. Nutrition & Metabolism, 2011, 8:75;
    • Bhaskaran K et al. Body-mass index and risk of 22 specific cancers: a population-based cohort study of 5.24 million UK adults. Lancet 2014; 384:755–765;
    • Fine, Eugene J et al. An Evolutionary and Mechanistic Perspective on Dietary Carbohydrate Restriction in Cancer Prevention,” Journal of Evolution and Health. 2016 1: Iss. 1, Article 15;
    • Juul A. Serum levels of insulin-like growth factor I and its binding proteins in health and disease. Growth Horm IGF Res. 2003 Aug;13(4):113-70.

    Cenni Biografici

    La Dottoressa A. Lorella De Mariani, Biologa Nutrizionista Specialista in Biochimica Clinica,Master di II Livello in Oncologia Integrata, socio dell'Associazione di Ricerca per le terapie Oncologiche Integrate A.R.T.O.I. Collabora con oncologi per calibrare e ottimizzare lo stile di vita e alimentare dei pazienti.  Ha conseguito l’abilitazione alla professione di biologo ed è iscritta all’albo dei biologi dal 17 marzo 1989 n. iscrizione 31855. Si occupa dei meccanismi alla base dei processi degenerativi correlati alla nutrizione: malattie cardiovascolari, malattie autoimmuni, disfunzioni del metabolismo lipidico, diabete, disbiosi intestinali, coliti, allergie/ intolleranze alimentari, alterazioni del peso, alimentazione in età scolare, alimentazione energetica per lo sportivo, alimentazione e autismo, alimentazione e invecchiamento, programmi anti-aging, gravidanza e allattamento, nutrizione oncologica integrata. L’attività consiste soprattutto nella elaborazione di programmi nutrizionali personalizzati, tenendo presente i principi della medicina ortomolecolare, dieta pH, nutriterapia e fitoterapia, con lo scopo di insegnare ai suoi pazienti un regime alimentare conciliabile con la vita quotidiana affinché possano raggiungere un benessere sia fisico che psichico. Biografia: http://www.demariani.it/biografia-lorella-de-mariani/

    Studio di Nutrizione Funzionale: Via B.Ricasoli, 2 Milano - Tel. 348.5473478 - E-mail: studio@demariani.it

    Ok
    Usiamo i cookie per offrire un'esperienza affidabile e personalizzata. Cliccando su Ok o interagendo senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookies di cui fa uso il sito. Cookie Policy