Il nervo vago: la chiave per sbloccare la connessione intestinale / cervello

Il nervo vago: la chiave per sbloccare la connessione intestinale / cervello

0
Il nervo vago: la chiave per sbloccare la connessione intestinale / cervello

Sommario

Torna al Sommario
Questo nervo errante potrebbe essere la chiave per l’equilibrio di tutto il corpo

Il nervo vago, noto anche come decimo nervo cranico o nervo pneumogastrico, collega i sistemi corporei chiave in modi che stiamo appena iniziando a comprendere e apprezzare. Controlla attività cruciali come la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna, la risposta allo stress, la motilità digestiva e molto altro ancora. Il nervo vago collega il sistema nervoso parasimpatico, inviando segnali a ogni organo del corpo. I segnali che viaggiano su e giù per questo nervo possono farti sentire calmo e viceversa attivare gli ormoni dello stress in tutto il corpo. Ci sono molte cose che fa questo “vagabondo” (il nome Vagus deriva dalla parola vagabondo, poiché questo nervo vaga come un vagabondo tra i tuoi organi).

Dal cervello fino ai rami dell’inguine, il nervo vago serpeggia e circonda ogni area del busto. È il nervo più lungo del sistema nervoso autonomo e, sebbene noto da poche centinaia di anni agli anatomisti, la sua connessione alla frequenza cardiaca fu scoperta solo nel 1921 da Otto Loewi. I suoi esperimenti hanno rallentato la frequenza cardiaca delle rane stimolando i loro nervi vaghi. Un tale effetto non era mai stato visto prima: si pensava che il cuore funzionasse automaticamente in base alle esigenze di sforzo del corpo, non ai segnali di un nervo che non tocca nemmeno i nostri muscoli. Questo ha aperto l’idea che potremmo essere in grado di avere una certa influenza su questo potente conduttore di segnali del corpo profondo.

La sua ricerca gli è valsa il Premio Nobel per la Fisiologia o la Medicina nel 1936.

Dalla scoperta di Loewi, si è appreso molto di più sulla connessione tra il cervello, il nervo vago e persino il sistema digestivo. In questo articolo, toccheremo prima alcune di queste specifiche e poi discuteremo i modi per influenzare il tuo nervo vago per una migliore salute e benessere di tutto il corpo.

Torna al Sommario
Tutto sul nervo vago: dal cuore e dal respiro all’infiammazione e alla calma

Oltre a regolare la frequenza cardiaca e tenere costantemente sotto controllo la respirazione, il nervo vago è IL modo in cui il tuo intestino parla al tuo cervello. Quasi il 90% delle fibre dell’intero nervo vago trasmette segnali al cervello dal resto del corpo. Questo ti dice qualcosa sulla vera funzione di questo nervo: mantenere un controllo su ciò che il tuo corpo sta vivendo e dire al cervello tutto su di esso. Alcuni ricercatori hanno persino trovato prove che i microbi che prosperano nel nostro intestino scambiano anche messaggi con il cervello penetrando nel sistema del nervo vago e percorrendolo come un’autostrada.

Solo il 10-15% delle fibre viene effettivamente utilizzato per trasmettere segnali dal cervello al tuo corpo. Quando vengono utilizzati, è per rallentare il battito cardiaco o per dare un rapido impulso allo stomaco (sia per ansia o amore o anche indigestione), o anche per dirigere il rilascio di alcuni ormoni.

Torna al Sommario
Combattere l’infiammazione

quando viene rilevata la presenza di molecole infiammatorie, come citochine o fattore di necrosi tumorale, il nervo vago invia un segnale al cervello per consentire il rilascio di neurotrasmettitori antinfiammatori.

La stimolazione del nervo vago può aiutare a solidificare i ricordi a lungo termine, aumentando la norepinefrina nell’amigdala (il centro per il consolidamento della memoria).

Respiro e battito: sia il tuo cuore che i tuoi polmoni rispondono al neurotrasmettitore acetilcolina, ma la scoperta chiave del dottor Loewi è stata che il rilascio di acetilcolina da parte del sistema nervoso parasimpatico (attraverso l’attivazione del nervo vago) rallenta la frequenza cardiaca. Rallentare deliberatamente il respiro invia anche un segnale vago per rallentare il cuore tramite l’acetilcolina.

Possiamo concludere che il sistema nervoso autonomo regola rapidamente l’infiammazione periferica attraverso meccanismi diretti ed indiretti sull’area infiammata. Pertanto, data la sua notevole importanza, presso il Centro di Medicina Biologica è possibile valutare la funzionalità del sistema nervoso autonomo attraverso un’analisi semplice analisi e non invasiva, che permette di quantificare la variabilità della frequenza cardiaca. Inoltre non bisogna dimenticare il ruolo rilevante svolto dal cervello nella regolazione ormonale, tenendo in considerazione che l’area dell’ipotalamo rappresenta un centro di comando importantissimo per la gran parte degli ormoni prodotti dalle ghiandole endocrine. In merito è possibile effettuare il dosaggio degli ormoni coinvolti nella regolazione del sistema immunitario, come per esempio il cortisolo che causa immunosoppressione. Infine non bisogna dimenticare che il tono vagale può essere rafforzato attraverso l’attività fisica, le tecniche meditative, il biofeedback.

Per informazioni sulle nostre terapie ed appuntamenti rivolgersi al Centro di Medicina Biologica.

Tel: 039-2914149.     Email: info@cembio.it

Cenni Biografici

La Dottoressa A. Lorella De Mariani, Biologa Nutrizionista Specialista in Biochimica Clinica,Master di II Livello in Oncologia Integrata, socio dell'Associazione di Ricerca per le terapie Oncologiche Integrate A.R.T.O.I. Collabora con oncologi per calibrare e ottimizzare lo stile di vita e alimentare dei pazienti.  Ha conseguito l’abilitazione alla professione di biologo ed è iscritta all’albo dei biologi dal 17 marzo 1989 n. iscrizione 31855. Si occupa dei meccanismi alla base dei processi degenerativi correlati alla nutrizione: malattie cardiovascolari, malattie autoimmuni, disfunzioni del metabolismo lipidico, diabete, disbiosi intestinali, coliti, allergie/ intolleranze alimentari, alterazioni del peso, alimentazione in età scolare, alimentazione energetica per lo sportivo, alimentazione e autismo, alimentazione e invecchiamento, programmi anti-aging, gravidanza e allattamento, nutrizione oncologica integrata. L’attività consiste soprattutto nella elaborazione di programmi nutrizionali personalizzati, tenendo presente i principi della medicina ortomolecolare, dieta pH, nutriterapia e fitoterapia, con lo scopo di insegnare ai suoi pazienti un regime alimentare conciliabile con la vita quotidiana affinché possano raggiungere un benessere sia fisico che psichico. Biografia: https://www.demariani.it/biografia-lorella-de-mariani/

Studio di Nutrizione Funzionale: Via B.Ricasoli, 2 Milano - Tel. 348.5473478 - E-mail: studio@demariani.it