Biorisonanza

Biorisonanza

0
Biorisonanza

Sommario

La biorisonanza è un metodo terapeutico e di supporto clinico, che, attraverso l’utilizzo di una strumentazione specifica, consente di agire al livello energetico ed informazione della persona.  Ma prima di andare subito nel cuore dell’argomento è bene introdurre alcuni concetti chiave.

Torna al Sommario
Le basi della biorisonanza

La fisica moderna ci insegna che tutta la materia è fatta di pacchetti di energia in continua vibrazione secondo frequenze specifiche. Interagendo l’un con l’altro queste energie creano campo di informazione basati sull’emissione e sulla ricezione delle frequenze. La loro interazione dà origine a nuovi tipi di onde come quando le increspature di uno stagno si incrociano sull’acqua.

Ogni molecola, cellula, tessuto ed organo nel corpo mostra una frequenza caratteristica che può essere misurata attraverso una strumentazione d’avanguardia. I processi biologici possono essere equiparati a segnali elettromagnetici e sono descrivibili in termini fisici come delle onde oscillanti. Pertanto l’organismo mostra proprietà elettromagnetiche, che hanno un ruolo importante nella regolazione dei processi biochimici, fisiologici e mentali. Tutto ciò è complicato dal fatto che le cellule ed i loro componenti comunicano tra di loro e possono andare in risonanza creando un campo di interazione quantistico altamente complesso ed allargato. Si parla, infatti, di comunicazione biologica di tipo elettromagnetico che sfrutta i fotoni per coordinare le attività vitali. La comunicazione cellulare è un aspetto fondamentale dei processi vitali ed alla base della capacità della vita di adattarsi. Quando ciò avviene in modo poco efficiente si assiste alla comparsa dei disturbi e delle malattie, che possono essere riportati in equilibrio solamente restaurando in modo corretto il flusso di informazioni.

In sintesi è possibile dire che il corpo umano è permeato di campi interconnessi di energia che possono essere misurati e che influenzano profondamente i processi psicofisici. L’organismo cerca in continuazione di cambiare le proprie frequenze in modo tale da raggiungere i parametri migliori per la vita.

Ogni evento biologico mostra uno spettro di frequenze unico e specifico.

Sia i processi biologici materiali sia quelli psicologici (es. pensieri ed emozioni) possono essere considerati manifestazioni energetiche della vita. Da ciò ne deriva che la salute avviene se e solo se il flusso di energia avviene in modo fluido e senza ostacoli. Viceversa quando ci sono blocchi o disequilibri in questo flusso prende avvio la malattia. Ad ogni modo è possibile riportare l’equilibrio dei campi energetici prima che si verifichino i danni biochimici, strutturali o le conseguenze dal punto di vista mentale.

L’utilizzo di dispositivi innovativi consente di sfruttare i vari campi energetici (es. elettrico, magnetico, acustico) per la valutazione delle condizioni cliniche. In condizioni di salute le interazioni e le fluttuazioni energetiche avvengono in modo sia armonico che flessibile al fine di rispondere alle sollecitazioni esterne, crescere e svilupparsi adeguatamente. Laddove vi siano degli sbilanciamenti a livello dei processi energetici, invece, è un chiaro segnale che qualcosa non sta funzionando al meglio o come dovrebbe. Queste alterazioni energetiche, che si riflettono a livello delle frequenze emesse dal corpo, mettono in luce i cambiamenti sottesi a livello delle cellule, degli organi ed in generale di tutto il sistema psicofisico. Ed eventualmente molto prima che questi processi disregolati si traducano in eventi biochimici e prettamente patologici.

L’utilizzo degli strumenti di biorisonanza può aiutare la diagnosi e fungere da terapia. 

La Biorisonanza sfrutta i segnali elettromagnetici emessi dall’organismo o da una sua parte al fine di personalizzare un trattamento quantistico basato sulle frequenze. Pertanto la medicina quantistica consente non solo di valutare il cosiddetto biocampo energetico, ma anche di correggere le alterazioni energetiche. Dopo aver ottenuto i segnali elettromagnetici del corpo è possibile normalizzare e riequilibrare le frequenze disarmoniche in modo tale da raggiungere una migliore condizione di salute fisica e mentale. Ciò avviene tramite l’immissione di frequenze specifiche e benefiche per la persona oppure attraverso la modulazione di quelle endogene, cioè delle bio-frequenze naturalmente prodotte da ciascuno di noi. Inoltre è possibile anche ottenere l’eliminazione dei segnali energetici dannosi o inutili per l’organismo e che sono alla base del disturbo.

La biorisonanza promuove le capacità di auto-regolazione.

Il meccanismo principale attraverso cui si producono gli effetti benefici consiste nel fenomeno fisico della risonanza, cioè quando una molecola o un altro sistema comincia ad oscillare in seguito all’oscillazione di un altro sistema come per esempio avviene con i diapason. Oppure quando un pendolo, che tende a far oscillare un altro pendolo della stessa lunghezza posto accanto ad esso, cioè il primo pendolo tende a sintonizzare le proprie oscillazioni con l’altro facendolo risuonare della stessa frequenza. Di fatto la risonanza permette il trasferimento di un po’ di energia da un oggetto ad un altro. Tutto ciò si traduce in un maggior livello di coerenza quantistica e nel ripristino delle comunicazioni cellulari.

In conclusione gli strumenti di biorisonanza consentono di ottenere le informazioni riguardanti i disequilibri nei segnali elettromagnetici alla base delle malattie. In aggiunta questi aspetti possono essere utilizzati al fine di impostare una terapia personalizzata sulla base delle frequenze. Tramite gli strumenti di medicina quantistica è possibile intervenire ogniqualvolta vi sia un’alterazione nello scambio delle informazioni biologiche. In questi casi l’obiettivo è di promuovere le capacità dell’organismo di ricevere le informazioni appropriate e di migliorarne l’autoregolazione. Per le sue proprietà, caratteristiche ed effetti la biorisonanza è una metodica valida, non invasiva e con rari effetti avversi.

Per informazioni contattare o39.2914149  segreteria del Centro di Medicina Biologica 

Cenni Biografici

La Dottoressa A. Lorella De Mariani, Biologa Nutrizionista Specialista in Biochimica Clinica,Master di II Livello in Oncologia Integrata, socio dell'Associazione di Ricerca per le terapie Oncologiche Integrate A.R.T.O.I. Collabora con oncologi per calibrare e ottimizzare lo stile di vita e alimentare dei pazienti.  Ha conseguito l’abilitazione alla professione di biologo ed è iscritta all’albo dei biologi dal 17 marzo 1989 n. iscrizione 31855. Si occupa dei meccanismi alla base dei processi degenerativi correlati alla nutrizione: malattie cardiovascolari, malattie autoimmuni, disfunzioni del metabolismo lipidico, diabete, disbiosi intestinali, coliti, allergie/ intolleranze alimentari, alterazioni del peso, alimentazione in età scolare, alimentazione energetica per lo sportivo, alimentazione e autismo, alimentazione e invecchiamento, programmi anti-aging, gravidanza e allattamento, nutrizione oncologica integrata. L’attività consiste soprattutto nella elaborazione di programmi nutrizionali personalizzati, tenendo presente i principi della medicina ortomolecolare, dieta pH, nutriterapia e fitoterapia, con lo scopo di insegnare ai suoi pazienti un regime alimentare conciliabile con la vita quotidiana affinché possano raggiungere un benessere sia fisico che psichico. Biografia: https://www.demariani.it/biografia-lorella-de-mariani/

Studio di Nutrizione Funzionale: Via B.Ricasoli, 2 Milano - Tel. 348.5473478 - E-mail: studio@demariani.it